Il 17 agosto 2020, alle ore 15:00, su invito del nostro incaricato in Puglia, Giovanni Ninivaggi, si è svolta a Taranto, presso gli uffici della Gigante Srl, in Viale Jonio n. 152/A, una riunione per esaminare, con altre società operanti nel comparto dell’acquacoltura, l’opportunità di costituire tra le stesse un’Organizzazione di produttori di itticoltura dello Ionio.

   Di fronte alle 16 gabbie galleggianti per l’allevamento di spigole e orate nel Mar Grande della società ospitante, abbiamo colto l’occasione per avere a grandi linee informazioni utili sulle procedure seguite nell’allevamento (come l’acquisto degli avannotti, dai 4 ai 10 grammi), sull’alimentazione (che è giornaliera, a mano, con mangime pallettizzato, privo di antibiotici e OGM), sulla granulometria (in relazione alla dimensione dei pesci), sulla circostanza che trattasi di un allevamento semintensivo (7Kg./m. cubo), consentendo una maggiore mobilità ed un minimo accumulo di grasso.

   Poi, alla presenza delle tre aziende interessate (la Gigante Srl, la Maricoltura di San Vito, soc. coop., e la REHO Mare srl di Racale – LE), il Presidente Mario Bello, dopo aver appreso di queste realtà imprenditoriali molto importanti che operano nel settore, con una produzione di qualità e basata su un rigoroso controllo di tutta la filiera produttiva e commerciale, apprezzando la serietà e l’impegno delle società presenti, ha fornito ai loro responsabili e Presidenti tutti gli elementi necessari per pervenire alla costituzione e al riconoscimento di una possibile Organizzazione di produttori, gli iter da seguire e la documentazione da fornire a livello ministeriale, mettendo a disposizione i servizi che in questo caso fornisce la Feder op.it.

   La riunione si è protratta a lungo, per dare i chiarimenti e le delucidazioni richieste, e sulla base dell’adesione ricevuta, soffermandosi sugli elementi-base dello Statuto da adottare.

   Si tratta di un percorso che ci sembra ormai tracciato, che dovrà essere seguito in tutte le sue fasi costituenti, in stretta collaborazione tra la nostra Federazione (e il supporto a livello regionale del nostro responsabile, Giovanni Ninivaggi) e le società e realtà rappresentate, per dare, attraverso la costituzione dell’OP, quella maggiore spinta che è necessaria per un più ampio riconoscimento della produzione di qualità, a marchio, a livello dei mercati (già acquisiti e da sviluppare, a livello territoriale e oltre), per una visibilità e prospettiva che sarà di sicuro interesse.

   L’auspicio è che presto questo possa avvenire, nel reciproco interesse, in quanto come Feder op.it vorremmo avvalerci delle loro professionalità e delle esperienze maturate, per una crescita e la valorizzazione dell’acquacoltura e dell’economia ittica in generale.